Blog
Registrati

S5 Register

You need to enable user registration from User Manager/Options in the backend of Joomla before this module will activate.

 

Da un paio di settimane i fondi obbligazionari di H2O Asset Management, società appartenente al gruppo francese Natixis, sono al centro di uno scandalo che è nato in seguito ad un articolo apparso sul Financial Times.

Un articolo del prestigioso quotidiano finanziario inglese segnalava che i fondi “Adagio”, “Allegro” e “Multibonds” detenevano all’interno dei rispettivi portafogli (4,30% in Adagio, 9,70% in Allegro e 8,30% in Multibonds) dei titoli obbligazionari illiquidi, ossia emessi da piccole aziende, senza rating, che si trovano in fase di rilancio e di ristrutturazione. Oltretutto una porzione di questi titoli sarebbero riconducibili a società collegate al finanziere tedesco Lars Windhorst, personaggio chiacchierato e controverso poiché nel recente passato ha alle spalle cause legali e fallimenti.

A complicare il quadro, è emerso un potenziale conflitto di interessi dal momento che ad inizio anno, Bruno Crastes, che è l’amministratore delegato di H2O, avrebbe iniziato una collaborazione (membro del “comitato consultivo”) con la società “Tennor Holding” che è riconducibile al già citato Lars Windhorst.

 

L’articolo ha avuto un notevole eco, a tal punto che Mornigstar ha sospeso il giudizio e ha revocato il rating su questi tre fondi.

Al tempo stesso, numerose banche e società di consulenza hanno contattato i propri clienti, consigliando loro di liquidare (in tutto o in parte) le quote detenute in questi tre fondi.

Ça va sans dire, la conseguenza di queste due azioni è stato un elevato deflusso monetario dalle masse gestite da questi fondi, causato dai numerosi riscatti dei clienti spaventati.

 

Nel mentre però la società non è stata con le mani in mano a subire passivamente gli eventi ma si è prontamente prodigata sia per porre concretamente rimedio alle criticità emerse sia per dare risposte al mercato ed agli operatori.

Nello specifico Natixis, che è la società che controlla H2O, ha annunciato sia di aver fortemente alleggerimento il peso delle obbligazioni illiquide e chiacchierate (anche se per motivi di privacy non è stato dichiarato il nome delle tre società che hanno acquistato), che attualmente avrebbero un peso inferiore al 2% del patrimonio gestito, sia di aver prontamente eliminato il potenziale conflitto di interessi con la Tennor holding.

Contemporaneamente la società ha anche annunciato la rimozione temporanea delle commissioni di ingresso, che in precedenza a questo scandalo ammontavano al 5%.

 

La domanda che ti stai ponendo, è probabilmente quella che gira oggi nella mente di tutti gli investitori “siamo di fronte ad un problema reale oppure si è trattato di una tempesta in un bicchiere d’acqua?”.

 

La risposta a questa domanda non è semplice e neanche banale.

Qualora fossimo in presenza di un problema reale, l’ideale sarebbe liquidare le quote detenute.

Qualora invece fossimo di fronte ad una risposta emotiva e quindi ad una tempesta in un bicchiere d’acqua, il discorso cambierebbe completamente e, in tal caso, saremmo di fronte ad una possibile occasione di acquisto.

 

Per approfondire, per fare domande o chiedere informazioni in merito agli argomenti che verranno trattati in questo articolo, 
iscriviti al mio gruppo chiuso su Facebook "Gabriele Bellelli - Trading & investing
a questo link https://www.facebook.com/groups/163089017826794/

 

Tornando alla domanda iniziale, oggi è impossibile stabilire se le criticità per i fondi H2O sono state risolte e siano destinate ad essere solo uno spiacevole ricordo, oppure se nel corso delle prossime settimane assisteremo ad ulteriori sviluppi.

 

Dal mio punto di vista è però possibile effettuare alcune considerazione di carattere generale, utili per aiutarti, come investitore, a valutare il quadro generale in modo consapevole.

 

La mia prima considerazione è che io sono stupito dello stupore di Morningstar.

Non appartengo al gruppo delle verginelle che parlano di scandalo, dal momento che era palese ad ogni addetto ai lavori che per ottenere queste ottime performance, in presenza di tassi a zero, il gestore dei fondi non acquistasse dei bund tedeschi ma che, al contrario, utilizzasse prodotti derivati e strategie aggressive, o speculative che dir si voglia.

 

La seconda considerazione è che le performance passate di questi tre fondi sono state di assoluto valore e che stiamo parlando di fondi che sono in cima alle classifiche da 10 anni a questa parte e di un gestore che ha dimostrato sul campo di sapere il fatto suo.

Io stesso, che in linea generale non sono un amante dei fondi comuni di investimento, perché ritengo che nella maggioranza dei casi siano uno strumento costoso e scarsamente efficiente, sostengo da tempo che i fondi “Adagio”, “Allegro” e “Multibond” registrano performance interessanti e che quindi è saggio valutarli per un eventuale inserimento in portafoglio.

 

Per darti un'idea concreta, i mostro nelle immagini sottostanti le performance dei fondi "H2O Adagio" e "H2O Multibonds", elaborate con Fidaworkstation. 

 

 H2O Adagio

 H2O Adagio R Cap EUR 1

 

H2O Adagio R Cap EUR 2

H2O Adagio R Cap EUR 3

 

H2O MultibondsH2O Multibonds R Cap EUR 1

H2O Multibonds R Cap EUR 2

 

H2O Multibonds R Cap EUR 3

 

La terza considerazione è che i timori di default di questi fondi sono voci assolutamente false e messe in giro da ignoranti oppure da concorrenti sleali.

Il patrimonio di un fondo comune è separato da quello della società che lo gestisce o della società che lo controlla per cui non sussiste alcun rischio default.

Nel peggiore dei casi è possibile assistere ad un deprezzamento del valore delle quote dei fondi, come conseguenza di un deprezzamento del valore degli asset detenuti in portafoglio, ma questo è un discorso diverso e coinvolge ogni fondo e ogni ETF, e non solo questi tre di H2O.

 

La mia unica perplessità è in realtà un dubbio: dopo questa vicenda, il gestore continuerà ad essere sereno e ad avere briglia sciolta nell’impostare la sua operatività come in passato oppure, anche solo magari inconsciamente, viaggerà con il freno a mano tirato e subirà un condizionamento psicologico?

 

A questo punto la domanda che sorge spontanea è “cosa fare? Acquistare oppure vendere?”.

 

Per rispondere a questa domanda, sono necessari un paio di passaggi.

Il primo passaggio consiste nel verificare di aver compreso le caratteristiche del fondo di investimento che stai valutando di acquistare.

 

Il secondo passaggio consiste nel verificare che il fondo sia compatibile con la tua personale pianificazione finanziaria, in particolare per quanto riguarda la propensione e la tolleranza al rischio.

Se non comprendi le caratteristiche del prodotto finanziario oppure se il fondo non rientra nel perimetro del grado di rischio che sei disposto ad assumerti, allora è saggio non acquistare o vendere le quote, qualora tu le possieda.

Al contrario invece, se hai compreso le caratteristiche dei fondi e hai verificato che siano compatibili con la tua pianificazione finanziaria, puoi mantenerli in portafoglio oppure puoi valutare la possibilità di acquistarli, sfruttando il momentaneo azzeramento delle commissioni di sottoscrizione.

 

© Riproduzione parziale o totale concessa con espressa citazione della fonte

 

Nel rispetto delle vigenti normative si specifica che in questo articolo il materiale è stato prodotto da Gabriele Bellelli, investitore privato e formatore (in seguito “autore”) il giorno 8 luglio 2019 alle ore 17 e diffusa al pubblico per la prima volta il 8 luglio 2019 alle ore 19. 
L’autore del presente articolo non si trova in un rapporto o circostanza da cui possa ragionevolmente attendersi la compromissione della correttezza della presente comunicazione o la presenza di eventuali conflitti di interesse, a titolo esemplificativo e non esaustivo, non percepisce una remunerazione per il servizio di analisi sui prodotti finanziari oggetto del seminario da parte dell’emittente di tali prodotti, e detiene alcuni dei prodotti finanziari citati. 
In particolare, l’autore non detiene una posizione corta o lunga netta superiore alla soglia dello 0,50% del capitale azionario totale emesso dagli emittenti al quale la raccomandazione si riferisce, e non detiene neanche indirettamente una posizione netta superiore alla soglia dello 0,50% del capitale azionario totale emesso dagli emittenti al quale la raccomandazione si riferisce anche indirettamente, non è un market maker o un fornitore di liquidità per gli strumenti finanziari dell’emittente, non ha svolto nei 12 mesi precedenti la funzione di capofila o capofila associato di un’offerta pubblica di strumenti finanziari dell’emittente, non è parte di un accordo con l’emittente sulla prestazione di servizi di impresa di investimento e non è parte di un accordo con l’emittente relativo alla produzione della raccomandazione.
I contenuti della presente comunicazione sono elaborati sulla base delle seguenti fonti di informazione: Fidaworkstation e https://www.im.natixis.com/it/affiliated-investment-managers/h2o-asset-management, che l’autore ritiene attendibili per quanto a sua conoscenza, senza tuttavia poterne garantire l’assoluta affidabilità.
Le valutazioni in merito agli strumenti finanziari sono state elaborate in base a modelli proprietari creati dall’autore. Le informazioni in merito ai modelli proprietari utilizzati sono consultabili sul sito Bellelli.biz (sito attualmente in ristrutturazione)
A seguito di una personale valutazione dell’autore il grado di rischio comportato degli strumenti finanziari oggetto di valutazione nel presente seminario è elevato. 
Ad ogni buon conto, si ricorda che per loro stessa natura le affermazioni prospettiche comportano rischi e incertezze, in quanto relative a eventi e circostanze futuri, di conseguenza i risultati effettivi, le performance, i rendimenti e/o i risultati economici complessivi possono discostarsi significativamente da quelli descritti o suggeriti nelle affermazioni prospettiche contenute nel presente seminario. 
In generale, si ricorda che l’investimento in strumenti finanziari comporta il rischio di subire delle perdite del capitale investito, che nella peggiore delle ipotesi può arrivare fino alla perdita totale dello stesso. 
In considerazione di ciò, ogni eventuale decisione di investimento negli strumenti finanziari oggetto del presente seminario e il relativo rischio rimangono a carico del destinatario della stessa, che dovrà analizzare e approfondire, eventualmente facendosi affiancare da un professionista di fiducia, le caratteristiche di ogni strumento finanziario per verificarne la compatibilità con la propria pianificazione finanziaria personale e il proprio grado di rischio.
I contenuti sono stati prodotti sulla base dei dati, delle informazioni e delle quotazioni rilevale il giorno 5 luglio 2019 alla chiusura del mercato.
Non è previsto un aggiornamento dei contenuti di questo articolo.
L’elenco delle raccomandazioni diffuse nei precedenti 12 mesi sarà a breve reperibile sul sito Bellelli.biz (sito attualmente in ristrutturazione)

Si rileva anche che l’autore del seguente materiale e seminario non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto potrebbe detenere alcuni dei valori mobiliari oggetto del seguente articolo.
Inoltre le informazioni contenute all’interno di questo articolo non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento.
I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. 
Il materiale illustrato ha scopo puramente didattico, e l’autore, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo.

Bonus Certificate 300x250

newsletter 

GabrieleBellelliTrader, educatore finanziario indipendente e scrittore

Opero su obbligazioni, azioni, ETF, certificati e derivati prevalentemente con ottica di breve e medio-lungo periodo; il mio approccio ai mercati finanziari è da "buon padre di famiglia", che punta al rendimento ma con un'attenta gestione del rischio di portafoglio.

Vuoi saperne di più? Clicca qui! Sono disponibile per interviste, conferenze e collaborazioni, contattami!

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.