Blog
Registrati

S5 Register

You need to enable user registration from User Manager/Options in the backend of Joomla before this module will activate.

 

Quante volte ti sei chiesto come fare a recuperare le minusvalenze?

In questo articolo il mio obiettivo è quello di segnalarti le migliori obbligazioni che possono esserti utili, se hai delle minusvalenze da recuperare.

Prima di indicarti le obbligazioni più efficienti che ho individuato, ritengo che sia utile partire dalle basi e procedere per gradi, in modo da risultare comprensibile anche ai neofiti che muovono i primi passi sui mercati finanziari.

 

Cosa sono le minusvalenze?

Le minusvalenze sono le perdite subite nell’investire il proprio denaro sui mercati finanziari.
In pratica, sono la differenza negativa tra il prezzo di acquisto e quello di vendita di un prodotto finanziario.
Ad esempio, se acquisto 1.000 azioni Canistracci a 10 € e le rivendo a 8, subisco una minusvalenza che ammonta a (8-10) * 1.000 = - 2.000 €.

 

Le minusvalenza hanno una scadenza? 

Si, purtroppo, dal punto di vista fiscale le minusvalenze possono essere compensate entro 4 anni attraverso la compensazione con plusvalenze (guadagni) successivamente maturate.
In pratica quindi, le minusvalenze contratte durante l’anno 2018 possono essere compensate entro 4 anni, e quindi entro il 31 dicembre 2022.

 

Tutti i prodotti finanziari permettono di recuperare le minusvalenze?


No, purtroppo non tutti i prodotti finanziari permettono di recuperare le minusvalenze.

Il fisco italiano fà di tutto per metterti i bastoni tra le ruote: devi infatti sapere che il fisco italiano distingue i proventi di un investimento tra "reddito di capitale" e "reddito diverso".

Questa differenza non è solo nozionistica ma incide direttamente sul tuo portafoglio e sul tuo zainetto fiscale, dal momento che le minusvalenze possono essere prodotte attraverso tutti i prodotti finanziari, mentre invece (purtroppo) possono essere compensate solo con i prodotti finanziari che producono "reddito diverso"!

 

Quali sono i prodotti finanziari che producono reddito di capitale?

I prodotti finanziari che generano "reddito di capitale" , e che quindi non sono utili per compensare minusvalenze, sono gli ETF, i fondi comuni di investimento ma anche le cedole delle obbligazioni ed i dividendi delle azioni.

 

Quali sono i prodotti finanziari che producono reddito diverso, i cui proventi possono essere utilizzati per recuperare minusvalenze?

I prodotti finanziari che generano "reddito diverso", e che quindi permettono di recuperare minusvalenze, sono le azioni, le obbligazioni, gli ETC ed i certificates (anche se su questo argomento scriverò a breve un apposito articolo perchè ci sono differenti modalità di trattamento fiscale da parte delle banche italiane).

La tabella sottostante illustra i principali prodotti finanziari e ne descrive sia la tipologia di reddito prodotto che l'utilità nel recuperare le minusvalenze:

 

Strumento finanziario Tipologia reddito prodotto Recupero minusvalenze
Capital gain obbligazioni Reddito diverso Si
Cedola obbligazioni  Reddito di capitale No
Capital gain azioni Reddito diverso Si
Dividendo azioni Reddito di capitale No
Capital gain ETF Reddito di capitale No
Dividendo ETF Reddito di capitale No
Capital gain Fondi Reddito di capitale No
Dividendo Fondi Reddito di capitale No
Capital gain ETC Reddito diverso Si
Certificati Reddito diverso Si
 Derivati               Reddito diverso                         Si

 

Come si compensano (recuperano) le minusvalenze?

Dopo aver compreso quali prodotti finanziari sono efficienti dal punto di vista fiscale, è giunto il momento di specificare, attraverso un esempio, come avviene la compensazione delle minusvalenze con le plusvalenze.

Dal punto di vista tecnico, per recuperare una minusvalenza, occorre realizzare una successiva plusvalenza, attraverso un prodotto che generi proventi considerati "reddito diverso".

Ad esempio, ipotizza di avere acquistato a 2 € una quantità di 2.000 azioni Bruciabaiocchi che in questo momento quotano 3 €.

Vendendo le 2.000 azioni a 3 €, si realizzerebbe una plusvalenza di (6.000-4.000)= 2.000 € che potrai mettere a compensazione delle precedenti minusvalenze, come ad esempio i 2.000 € persi nell’esempio precedente sul titolo Canistracci.

In questo modo, la plusvalenza maturata andrà a compensare completamente le minusvalenze maturate (+2.000 - 2000)= 0 e su di essa non pagherai il capital gain.

 

Adesso che hai chiaro in mente tutti i meccanismi della compensazione tra minusvalenze e plusvalenze, è giunto il momento di segnalarti l'elenco delle obbligazioni che attualmente sono più efficienti per recuperare minusvalenze perchè, attraverso la differenza tra prezzo di mercato e prezzo di rimborso, producono "reddito diverso".

 obbligazioni minusvalenza

 Fonte: elaborazione dati Skipper informatica

In questa seconda tabella invece evidenzio le obbligazioni specifiche per recuperare le minusvalenze maturate nel 2018, che puoi recuperare entro 4 anni.

obbligazioni minusvalzne 2

La prima obligazione della lista è "Banco Bpm - Fix Float Cap 22gn22" con codice isin IT0005187890.

Entrando nel dettaglio, si tratta di una obbligazione senior (non subordinata) , emessa da Banco BPM (ex Banco Popolare) e scambiata con una discreta liquidità, che oggi puoi acquistare in area 93,50-94 e che rimborserà 100 il 22 giugno del 2022, generando quindi una plusvalenza di (100-94)= 6, che costituirà "reddito diverso" e che quindi potrai utilizzare per compensare eventuali minusvalenze pregresse.

Dal punto di vista della pianificazione finanziaria, occorre sottolineare come questa obbligazione sia efficiente fiscalmente, perchè ti permette di recuperare minusvalenze, mentre sia inefficiente nel caso in cui tu abbia necessità di ottenere delle entrate periodiche, dal momento che attualmente paga un'ammontare cedolare estremamente ridotto.

L'ammontare cedolare, che è staccato con frequenza trimestrale, è infatti calcolato attraverso la formula (Euribor 3M + 0,4%): considerando che l'Euribor a 3 mesi è negativo, la cedola trimestrale ammonta attualmente allo 0,0225%.

Il rendimento complessivo di questo investimento, calcolato nello scenario peggiore, ossia con Euribor che rimane in negativo fino a scadenza, ammonta al 1,95%.

Se vuoi imparare a conoscereselezionare le obbligazioni ed a calcolarne  correttamente il rendimento per costruire e per gestire un portafoglio,profittevole ed a rischio contenutoinvestendo in modo consapevole, autonomo e indipendente dai consigli della tua banca o del tuo promotore finanziario, che sono sempre in conflitto con i tuoi interessi, ti consiglio di partecipare al mio corso "INVESTIRE CON LE OBBLIGAZIONI" che inizierà il prossimo 20 febbraio!

Iscriviti subito, inviando una email a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. , per usufruire degli ultimi giorni di sconto!

 

© Riproduzione parziale o totale concessa con espressa citazione della fonte

Nel rispetto delle vigenti normative si specifica che in questo articolo il materiale è stato prodotto da Gabriele Bellelli, investitore privato e formatore (in seguito “autore”) il 6 febbraio 2019 alle ore 15 e diffusa al pubblico per la prima volta il 6 febbraio 2019 alle ore 15.15. 
L’autore del presente articolo non si trova in un rapporto o circostanza da cui possa ragionevolmente attendersi la compromissione della correttezza della presente comunicazione o la presenza di eventuali conflitti di interesse, a titolo esemplificativo e non esaustivo, non percepisce una remunerazione per il servizio di analisi sui prodotti finanziari oggetto del seminario da parte dell’emittente di tali prodotti, e detiene alcuni dei prodotti finanziari citati. 
In particolare, l’autore non detiene una posizione corta o lunga netta superiore alla soglia dello 0,50% del capitale azionario totale emesso dagli emittenti al quale la raccomandazione si riferisce, e non detiene neanche indirettamente una posizione netta superiore alla soglia dello 0,50% del capitale azionario totale emesso dagli emittenti al quale la raccomandazione si riferisce anche indirettamente, non è un market maker o un fornitore di liquidità per gli strumenti finanziari dell’emittente, non ha svolto nei 12 mesi precedenti la funzione di capofila o capofila associato di un’offerta pubblica di strumenti finanziari dell’emittente, non è parte di un accordo con l’emittente sulla prestazione di servizi di impresa di investimento e non è parte di un accordo con l’emittente relativo alla produzione della raccomandazione.
I contenuti della presente comunicazione sono elaborati sulla base delle seguenti fonti di informazione: Eurotlx e Skipper informatica, che l’autore ritiene attendibile per quanto a sua conoscenza, senza tuttavia poterne garantire l’assoluta affidabilità.
Le valutazioni in merito agli strumenti finanziari sono state elaborate in base a modelli proprietari creati dall’autore. Le informazioni in merito ai modelli proprietari utilizzati sono consultabili sul sito Bellelli.biz (sito attualmente in ristrutturazione)
A seguito di una personale valutazione dell’autore il grado di rischio comportato degli strumenti finanziari oggetto di valutazione nel presente seminario è elevato. 
Ad ogni buon conto, si ricorda che per loro stessa natura le affermazioni prospettiche comportano rischi e incertezze, in quanto relative a eventi e circostanze futuri, di conseguenza i risultati effettivi, le performance, i rendimenti e/o i risultati economici complessivi possono discostarsi significativamente da quelli descritti o suggeriti nelle affermazioni prospettiche contenute nel presente seminario. 
In generale, si ricorda che l’investimento in strumenti finanziari comporta il rischio di subire delle perdite del capitale investito, che nella peggiore delle ipotesi può arrivare fino alla perdita totale dello stesso. 
In considerazione di ciò, ogni eventuale decisione di investimento negli strumenti finanziari oggetto del presente seminario e il relativo rischio rimangono a carico del destinatario della stessa, che dovrà analizzare e approfondire, eventualmente facendosi affiancare da un professionista di fiducia, le caratteristiche di ogni strumento finanziario per verificarne la compatibilità con la propria pianificazione finanziaria personale e il proprio grado di rischio.
I contenuti sono stati prodotti sulla base dei dati, delle informazioni e delle quotazioni rilevale il giorno 5 febbraio 2019 alle ore 18.
Non è previsto un aggiornamento dei contenuti di questo articolo.
L’elenco delle raccomandazioni diffuse nei precedenti 12 mesi sarà a breve reperibile sul sito Bellelli.biz (sito attualmente in ristrutturazione)

Si rileva anche che l’autore del seguente materiale e seminario non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto potrebbe detenere alcuni dei valori mobiliari oggetto del seguente articolo.
Inoltre le informazioni contenute all’interno di questo articolo non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento.
I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. 
Il materiale illustrato ha scopo puramente didattico, e l’autore, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo.

Bonus Certificate 300x250

newsletter 

GabrieleBellelliTrader, educatore finanziario indipendente e scrittore

Opero su obbligazioni, azioni, ETF, certificati e derivati prevalentemente con ottica di breve e medio-lungo periodo; il mio approccio ai mercati finanziari è da "buon padre di famiglia", che punta al rendimento ma con un'attenta gestione del rischio di portafoglio.

Vuoi saperne di più? Clicca qui! Sono disponibile per interviste, conferenze e collaborazioni, contattami!

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.