Blog
Registrati

S5 Register

You need to enable user registration from User Manager/Options in the backend of Joomla before this module will activate.

Inizia lunedì 6, per termininare giovedì 23 febbraio, l'aumento di capitale di Unicredit che prevede l'emissione di 13 azioni di nuova emissione ogni 5 azioni possedute ad un prezzo di 8,09 euro.

Per chi non è esperto di mercati finanziari occorre specificare che si tratta di un aumento di capitale a pagamento, ossia agli azionisti viene richiesto di mettere mano al portafoglio e di investire altro denaro in Unicredit.

Da lunedì ogni possessore di azioni Unicredit e Unicredit Risparmio, ad esempio di 500 quote, si ritroverà in portafoglio, oltre alle azioni, anche 500 diritti, che forniscono alll'azionista il diritto di acquistare nuove azioni.
Occorre rilevare che i diritti, al pari delle azioni, sono quotati in tempo reale sul mercato finanziario e quindi il loro prezzo varia durante la fasi delle contrattazioni.
Nel dettaglio, i diritti saranno negoziabili fino a venerdì 17 febbraio (incluso), mentre sarà possibile esercitarli (per aderire all'aumento di capitale) fino a giovedì 23 febbraio.


La domanda fatidica, che decine di lettori mi stanno rivolgendo in questi giorni, è: "Possiedo delle azioni Unicredit, cosa mi consigli di fare? Mi conviene aderire all’aumento di capitale?".

Purtroppo non c'è una risposta univoca e in molti casi si tratta di una scelta soggettiva ma in linea generale l'azionista è chiamato a ragionare sulle seguenti soluzioni:

1) Aderire all'aumento di capitale ed esercitare i diritti.
In questo caso la domanda da porsi, almeno dal mio punto di vista, è "sono soddisfatto del risultato ottenuto dal mio investimento in questa società? Da quando ho deciso di acquistare le azioni di questa società, il mio investimento è stato ben remunerato e ne ho tratto un guadagno? Credo in questa società e nelle sue prospettive future? Alla luce di queste domande, ho voglia di investire altro denaro in questa società?".
Se le risposte sono positive, la soluzione è quella di aderire all'aumento di capitale; altrimenti è saggio iniziare a valutare una exit strategy da questo investimento...

Prima di adottare questa soluzione mi raccomando di verificare che l'investimento finale su Unicredit non sbilanci il portafoglio su questo titolo, altrimenti conviene calibrare il peso della partecipazione all'aumento di capitale (d esempio attraverso l'esercizio parziale dei diritti)!
Per chi intende aderire all'aumento di capitale (simulando il possesso di 500 azioni), il conteggio per determinare l'esborso monetario necessario per aderire è :
(500 : 5)= 100
(100 * 13)= 1.300
(1.300 * 8,09)= 10.517 euro

2) Non aderire e vendere sia azioni che diritti.
In questo caso occorre avvertire che generalmente è conveniente vendere i diritti il primo giorno di contrattazione perché, seduta dopo seduta, il loro prezzo tende a calare progressivamente.
Questa regola non è valida in ogni occasione ma nel passato lo è stata nella maggioranza dei casi per cui conviene prestarci attenzione.


3) Non aderire all'aumento di capitale, vendere i diritti ma mantenere le azioni.

4) Mantenere i diritti, vendere le azioni e con il ricavato esercitare i diritti ed aderire all'aumento di capitale.
In questo modo, in determinate situazioni, è possibile abbassare il prezzo di carico in portafoglio. 

 

NB: Attenzione ad un dettaglio importante: in assenza di comunicazioni in merito ai diritti, la tua banca venderà in automatico i diritti in pre-apertura l'ultimo giorno di contrattazione (venerdì 17 febbraio) ma in quel momento il valore dei diritti potrebbe essere nettamente inferiore rispetto a quello di inizio aumento.


NB2: Questo aumento di capitale riguarda solo i possessori di azioni Unicredit, ordinarie e risparmo.
Se sei possessore di CFD oppure di obbligazioni Unicredit (sia senior che subordinate) l'aumento di capitale non ti coinvolge.


Queste che ho elencato sono le principali soluzioni su cui un azionista di Unicredit può ragionare ma nulla vieta di adottare soluzioni ibride come ad esempio:
-vendita, oppure l'esercizio, parziale dei diritti
-vendita di metà delle azioni e l'esercizio dei diritti


In ultimo, ma non per questo meno importante, ricordo agli azionisti che possono richiedere informazioni in merito all'aumento di capitale direttamente all'ufficio relazioni con gli investitori di Unicredit:
Telefono 800-307307
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sito internet: https://www.unicreditgroup.eu/it/investors.html?topmenu=INT-TM_INV0_it011

 

Corso di trading

Investire e speculare sui mercati finanziari con il metodo Bellelli

corso di trading gabriele bellelli 

 


I miei prossimi appuntamenti gratuiti, segnali in agenda
-Giovedì 16 febbraio: Certificates: tutto quello che avreste voluto sapere, ma che non avete mai osato chiedere
-Lunedì 20 febbraio - Video conferenza - Panoramica dei mercati e migliori occasioni del momento
-Lunedì 13 marzo - Video conferenza - Panoramica dei mercati e migliori occasioni del momento

 

 

Seguimi sui social!
Twitterfacebook logoYoutubeGoogle+

 

Buon trading !

Gabriele

 

 

Bonus Certificate 300x250

newsletter 

GabrieleBellelliTrader, consulente finanziario indipendente e formatore

Opero su obbligazioni, azioni, ETF, certificati e derivati prevalentemente con ottica di breve e medio-lungo periodo; il mio approccio ai mercati finanziari è da "buon padre di famiglia", che punta al rendimento ma con un'attenta gestione del rischio di portafoglio.

Vuoi saperne di più? Clicca qui! Sono disponibile per interviste, conferenze e collaborazioni, contattami!

 

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con cadenza periodica né è da considerarsi un mezzo di informazione o un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62/2001. Ai sensi e agli effetti dell’art. 187 ter della legge Draghi si precisa ad ogni effetto di legge che l’autore del presente articolo non è iscritto all’Ordine dei Giornalisti e che pertanto detiene, o potrebbe detenere, i valori mobiliari oggetto delle sue analisi. Inoltre questo sito, ed i suoi contenuti, non costituiscono un servizio di consulenza finanziaria o un consiglio operativo, né costituiscono sollecitazione al pubblico risparmio, o a qualsivoglia forma di investimento. I risultati presentati non costituiscono alcuna garanzia relativamente ad ipotetiche performance future. Il sito ed i suoi contenuti hanno scopo puramente didattico, e chi scrive, nonostante abbia messo la massima cura nell’elaborazione dei dati e dei testi, declina ogni responsabilità su eventuali inesattezze dei dati riportati e chiunque investa i propri risparmi prendendo spunto dalle indicazioni riportate, lo fa a proprio rischio e pericolo. Si sottolinea inoltre che l’attività speculativa di trading e di investimento comporta notevoli rischi economici e pertanto il lettore è l’unico ed esclusivo responsabile di ogni sua decisione operativa.
Infine si sottolinea come i diritti di riproduzione, parziale o totale, dei contenuti del sito siano concessi solo dietro permesso scritto dell’autore e con espressa citazione della fonte.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.